Verona è finale thriller: la Tezenis vince 79-75

Ad un passo dal colpaccio. A pochissimi possessi dall’impresa, strozzata sul finire della gara dell’Agsm Forum. Alla Bondi non basta un capitan Fantoni davvero monumentale per avere la meglio della Tezenis, che vince 79-75.

Capitan Fantoni, con 8 dei primi 16 punti della Bondi, è l’assoluto mattatore dell’avvio della gara dei biancazzurri, bravi ad allungare con Panni fino al 10-19 del 5’. Ferrara sbaglia ben quattro volte l’occasione per allungare, prima che Fantoni, sempre lui, realizzi il massimo vantaggio biancazzurro: all’8’ è 10-21. Con l’inerzia del match tutta dalla parte del Kleb, la Tezenis resiste all’urto e con Udom e Severini rientra fino al 17-21 della prima pausa.

Bravo Mazzoleni con il lavoro sporco in avvio della seconda frazione, che vede Swann scatenato (17-25 al 12’). Con la difesa a zona, i biancazzurri cercano di imbrigliare l’attacco scaligero, ma Ferguson, Ikangi e Candussi salgono in cattedra, completando il break di 13-3 in 2’: al 14’ è 30-28 Tezenis. L’Agsm Forum si infiamma, il popolo biancazzurro al seguito applaude i cesti dei lunghi Fantoni e Molinaro (32-38), ma nel finale ci pensano Ferguson, Henderson e Candussi a ribaltare di nuovo le ostilità.  All’intervallo lungo è 43-42 Tezenis.

Adesso si gioca sul filo dei possessi e le difese salgono in cattedra. Anche l’attacco della Bondi dice la sua, con Panni e De Zardo soprattutto (49-51 al 26’), prima che il duo Henderson-Severini riporti avanti i padroni di casa (57-52 al 28’). Break e contro break, da una parte e dall’altra. Capitan Fantoni sbaglia niente (57-56 al 29’), prima che Henderson, con due canestri sullo scadere delle azioni rispettive, ricaccia i biancazzurri indietro nel punteggio: 62-56 al 30’.

C’è davvero molta tensione in avvio degli ultimi 10’, così non si segna per oltre 3’. Ferguson e Swann sbloccano la situazione (64-59 al 34’). Ferrara c’è, nonostante la botta alla mano per lo stoico Fantoni che, coadiuvato da Panni e Swann, riporta avanti i suoi: al 36’, dopo il controbreak di 0-9, è 64-68. Emozioni biancazzurre. Bombissima del 66-71 di De Zardo (37’), poi 5-0 Verona firmato Severini-Udom (71 pari al 38’). Si soffre. Botta alla testa per Fantoni, costretto ad uscire (poco dopo rientrerà), Barbon fa ½ dalla lunetta, Henderson dall’altra parte insacca il nuovo vantaggio veronese, ancora meglio sancito, a -26”, dal canestro di Ferguson dopo l’errore da tre di Panni (75-72). Attacco Ferrara, con 14” per andare al tiro, ma Swann “muore” con il pallone in mano. A -10”, due liberi di Udom fissano il 77-72, Swann accorcia da tre punti e Furguson dalla lunetta non sbaglia per il successo veronese.

 

Tezenis Verona-Bondi Ferrara 79-75 (17-21, 43-42, 62-56)

Tezenis: Dieng, Ferguson 18, Amato, Guglielmi ne, Oboe ne, Candussi 16, Henderson 18, Maspero, Udom 14, Quarisa, Severini 10, Ikangi 3. All.Dalmonte.

Bondi: De Zardo 6, Conti ne, Swann 18, Petrolati ne, Fantoni 24, Molinaro 10, Mazzoleni, Barbon 1, Panni 13, Calò ne, Liberati 3. All.Bonacina.

Arbitri: Cappello, Marota e Puccini.

Note: spettatori 5032, con buona rappresentanza ospite.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *