Articoli

LA TASSI GROUP CI PROVA, MA NON BASTA. IL DERBY E’ DELL’ORASI’

CESENA. La Tassi Group ci ha provato, ma non è bastato. Avanti poco dopo la metà della terza frazione, i biancazzurri rimediano il controbreak di voglia dell’OraSì Ravenna, che centra il secondo successo in campionato. Dopo la vittoria contro Cento, i biancazzurri rimandano l’appuntamento con la prima gioia esterna: al “Carisport” finisce 90-74.

Avvio equilibrato, con Musso da una parte (7 punti dopo 6’) e ben cinque giocatori a referto per la Tassi Group mattatori: al 5’ è 5-7, che diventa 15 pari dopo 10’. È nella seconda frazione che i biancazzurri cercano di allungare, prima con Cleaves e Jerkovic (19-23 al 13’), poi con Smith e Amici: al 16’ è 22-29. L’OraSì si rifà sotto, con Bartoli ed Anthony (26-29 al 17’), ma Amici e soprattutto Cleaves non ci stanno: al 18’ arriva il massimo vantaggio biancazzurro firmato due liberi di Cleaves (26-36), prima che i romagnoli chiudano bene il tempo, ritornando sul -4 all’intervallo lungo (32-36).

La Tassi Group inizia bene il terzo quarto, con quattro punti consecutivi di Smith, prima di due triple di Musso (38-40 al 22’). Ora i giri del motore offensivo generale si alzano, Bartoli chiude il controbreak di 10-1 in 4’, riportando avanti 42-41 i suoi, Amici dall’altra parte non ci sta (44-47 al 26’), ma Lewis, Musso e soprattutto Bartoli fanno malissimo alla difesa biancazzurra: al 29’ è 56-49. Il popolo biancazzurri si fa sentire, ma altri cinque punti filati di Bartoli cacciano a -10 il Kleb al 32’: 63-53. Adesso si fa durissima, anche perché Bonacini prima, Musso e Lewis (che secondo tempo!) poi fanno la voce grossa e i biancazzurri, che domenica prossima ospiteranno Forlì, non riescono a rimontare.

 

OraSì Ravenna-Tassi Group Ferrara 90-74 (15-15, 32-36, 58-53)

OraSì: Anthony 13, Giordano, Musso 24, Bartoli 14, Bocconcelli, Onojaife 4, Galletti ne, Giovannelli ne, Petrovic 10, Laghi ne, Bonacini 6, Lewis 19. All.Lotesoriere.

Tassi Group: Bellan, Cleaves 14, Tassone 4, Smith 13, Campani 14, Bertetti 8, Valente ne, Jerkovic 4, Pianegonda 3, Amici 14. All.Leka.

Arbitri: Dori, Ferretti e Ugolini.

Note: usciti per 5 falli: Bertetti al 36’, Amici al 37’ e Smith al 39’.

A CESENA, CONTRO RAVENNA, PER PROSEGUIRE IL MOMENTO POSITIVO

Siamo solamente all’inizio del campionato, ma il match di domani pomeriggio a Cesena (ore 17, diretta LNP Pass) fra OraSì Ravenna e Tassi Group è già importante, anche perché potrebbe pure essere uno scontro diretto, con i due punti che varrebbero doppio nell’economia del torneo. Il Kleb vive sulle ali dell’entusiasmo dopo aver superato Cento domenica scorsa, durante la settimana ha lavorato bene e domani, in terra romagnola, potrà contare su tutti gli effettivi a disposizione.

Dall’altra parte del campo, dopo un avvio di stagione davvero complicato, i romagnoli hanno superato Nardò (decisiva la tripla dell’ex Petrovic) e dato del filo da torcere alla corazzata Forlì. Domani pomeriggio entrambe vorranno centrare i due punti che, come detto in precedenza, varrebbero doppio.

Contro il leader Musso, bomber Petrovic e gli Usa Anthony e Lewis, la Tassi Group dovrà impostare il ritmo a lei maggiormente congeniale, non facendo correre troppo una squadra capace di fare male in svariati modi. Al “Carisport” andrà in scena una gara da non perdere, in campo e sugli spalti. Se nessuna delle due formazioni giocherà in casa, la Tassi Group sarà seguita da un discreto gruppo di supporters, pronto ad incitare capitan Campani e compagni per 40’. Sul campo, vinca il migliore: se l’OraSì del coach Lotesoriere ha fame dei due punti, dall’altra parte del campo il Kleb è chiamato a confermare quanto di buono ha fatto, a livello di atteggiamento e non solo, domenica scorsa contro la Tramec.

 

Le parole della vigilia:

 

Marco Carretto – “Ci aspetta una gara difficile, soprattutto perché saremo in casa di una squadra, l’OraSì, che ha assoluto bisogno dei due punti, come del resto ne abbiamo bisogno noi: in queste condizioni, tutte le squadre in casa vogliono fare valere il fattore campo e cambiano l’approccio in termini di aggressività, offensiva e difensiva. Ravenna è una compagine forse un po’ corta, con giocatori che ancora devono affermarsi in Serie A2, con un marchiato indirizzo legato alla fonte offensiva di quattro giocatori importanti, come Musso, che si ricava canestri da solo, Petrovic, che ha caratteristiche molto marcate a livello di tiratore, non dimenticando gli Usa Anthony e Lewis, il primo mette ritmo nel giocare con la squadra, Lewis è più un giocatore interno, con ottime qualità da big man d’area. Proveranno difese tattiche, provando a giocare ad alto ritmo, dal canto nostro dovremo gestire il ritmo, non andando piano, ma comunque gestendolo”.

Andrew Smith – “Contro Cento, domenica scorsa, è stata una grande vittoria in casa nostra davanti a grandi tifosi da entrambe le parti. È sempre bello vincere quei tipi di gare. Penso che il successo abbia mostrato a noi e ai nostri tifosi che siamo sulla strada giusta, mentre continuiamo a migliorare e impariamo a giocare insieme. Il derby a Cesena contro l’OraSì Ravenna? Per il fatto che giocheremo in trasferta sarà più difficile rispetto a domenica scorsa. Se continuiamo a migliorare e stare insieme come una famiglia, beh, allora aumentiamo molto le nostre possibilità di successo”.

TASSI GROUP IN VISIBILIO, HAI VINTO IL DERBY!

FERRARA. Il successo del cuore e degli attributi. Dopo una settimana complicata, la Tassi Group ha fatto suo il derby contro la Tramec Cento, prima di oggi ancora imbattuta. Quattro giocatori in doppia cifra e due liberi decisivi di Campani a -6” dalla fine. Ferrara vince anche la lotta a rimbalzo e può fare festa: 85-84!

Primi 20’ sostanzialmente equilibrati, con la Tassi Group brava a tirare con ottime percentuali (poco meno del 52% dal campo), pareggiando le lotta sotto i tabelloni, aspetto fondamentale per contrastare una squadra come la Tramec. Dopo 10’ equilibrati e vibranti (ok Smith e Berti), Smith prende per mano la sua squadra (25-21 al 12’), ben imbeccato dall’ottimo Tassone. Al 13’, dopo il punto numero 13 di Smith, è 27-23. Marks c’è (29 pari al 14’, con 11 punti dell’esterno biancorosso), ma l’equilibrio continua imperterrito, anche quando Zampini, proprio sulla sirena del primo tempo, firma il 41-42.

La Tassi Group sfoggia anima e cuore quando, sotto 44-50 al 22’ (due triple di Marks e cesto di Toscano), si riporta in parità a quota 50 al 25’. Match vibrante, anche grazie al duo Tomassini-Bertetti (58-60 al 28’), prima del cesto di Cleaves sulla sirena della terza frazione che riporta avanti i biancazzurri. Vantaggi minimi, da una parte e dall’altra, con la Tassi Group che sfrutta l’inerzia più che positiva dell’inizio del parziale decisivo per allungare con Cleaves e Bertetti: al 32’ è 73-67. Bellan è bravo, Smith stoppa Berti e Amici firma il 77-71 del 35’. Finale thriller. Azione da tre punti dell’ex Zampini, poi Cleaves per il 79-75, prima della tripla di Toscano. Marks firma l’80 pari, poi tre liberi di Cleaves al 39’. A -56”, azione da quattro punti di Tomassini, Bertetti sbaglia, non Campani dalla lunetta. Ferrara vince e festeggia, ora sotto con il viaggio a Cesena contro Ravenna.

 

Tassi Group Ferrara-Tramec Cento 85-84 (20-21, 41-42, 63-62)

Tassi Group: Bellan 2, Cleaves 20, Tassone 5, Smith 18, Campani 8, Bertetti 13, Valente ne, Jerkovic 7, Pianegonda 2, Cazzanti ne, Cavicchi ne, Amici 10. All.Leka.

Tramec: Marks 27, Ulaneo 2, Tomassini 12, Baldinotti ne, Kuuba, Toscano 10, Zampini 11, Berti 6, Archie 9, Moreno 7. All.Mecacci.

Arbitri: Radaelli, Costa e Marzulli.

Note: fallo antisportivo comminato ad Archie al 25’. Tecnico a Campani al 37’ ed a Toscano al 39’. Usciti per 5 falli: Archie al 36’ e Toscano al 39’.

DOMANI IL SUPER DERBY CONTRO CENTO: SPETTACOLO ASSICURATO

Ci siamo, Tassi Group e Tramec Cento sono ormai prontissime al super derby di domani pomeriggio alla Giuseppe Bondi Arena: palla a due alle ore 18 e impianto di Piazzale Atleti Azzurri d’Italia che presenterà il colpo d’occhio delle grandissime occasioni. Dalla città del Guercino approderanno in molti, il popolo biancazzurro deve rispondere presente per una gara che, nonostante sulla carta Cento parta con i favori del pronostico, sfugge a punteggi decisi in partenza.

La Tassi Group ha preparato al meglio il match di domani, recuperando tutti, aspetto certamente non secondario, anzi, fondamentale, anche e soprattutto considerato che a Rimini, sabato scorso, l’assenza di Campani per influenza è pesata molto nell’economia del ko biancazzurro.

Cento è forte, ma il Kleb è pronto a dire la sua, contro bomber Marks, decisivo a Udine, il lungo Archie e un pacchetto di giocatori italiani di primissimo ordine, a cominciare dagli ex Zampini e Moreno, continuando con Tomassini, Toscano e Berti. Molto dovrà passare dalla lotta a rimbalzo, se la Tassi Group riuscirà a contrastare la fisicità biancorossa sotto le plance, ecco che le chance di successo aumenteranno.

L’appuntamento è di quelli da non mancare. La Ferrara amante della palla a spicchi è chiamata a raccolta e pure domani, dalle ore 10 alle 13 e dalle 15 alle 18, potrà acquistare i tagliandi direttamente al botteghino della Giuseppe Bondi Arena. Un consiglio? Nel pomeriggio, non arrivare all’ultimo, così da evitare code che sicuramente si formeranno.

 

Le parole della vigilia:

 

Spiro Leka – “Conosciamo la forza della Tramec, ha un quintetto di altissimo livello, senza alcun punto debole, compagine costruita davvero molto bene, che ha già dato un segnale al campionato, noi vogliamo guastare la loro festa, conoscevamo le difficoltà che avremmo potuto incontrare in questo avvio della stagione, vogliamo non far parte solamente della festa, ma vogliamo essere protagonisti: i miei giocatori daranno tutto, sentiamo questa sfida, abbiamo trasmesso ai nuovi che cosa significa il derby contro Cento, gara strana, vedremo se prevarrà la parte fisica o quella tecnico-tattica, di sicuro abbiamo un margine di errore molto piccolo. Dobbiamo essere precisi, bravi, a livello mentale bisogna che restiamo sempre uniti durante i 40’. La chiave? Andranno controllati i rimbalzi, servirà un lavoro enorme, tutti quanti dovranno fare il massimo contro chi ha numeri pazzeschi a livello di rimbalzi e non solo”.

Gianmarco Bertetti – “Domenica ci aspetta una gara importante per la città, è molto sentita, parliamo di un derby che si vive molto, in questo momento affrontiamo la squadra più in forma del campionato e una delle più forti, sicuramente la più in forma del momento. Ci stiamo preparando con la serenità con cui abbiamo preparato il match casalingo contro Chieti, sapendo che giocheremo in casa nostra, dobbiamo fare un passo in più, anche a livello di cuore e di testa: c’è bisogno pure di quello. Sappiamo che Cento è una squadra forte, dal canto nostro bisogna che difendiamo forte, cercando di giocare più in contropiede e in transizione possibile, dobbiamo giocare il nostro basket, restando sereni e giocando tutti assieme, uniti, così dico che qualcosa di buono faremo sicuramente”.

TRASFERTA ROMAGNOLA AMARA

RIMINI. Al Pala Flaminio, niente da fare per la Tassi Group del coach Spiro Leka che, dopo aver battuto Chieti, non riesce nell’impresa di espugnare Rimini. Gara già sostanzialmente chiusa dopo 20’, quando i biancazzurri erano sotto 54-32, tirando con brutte percentuali al tiro da fuori. Alla fine sarà 80-65. Adesso, concentrazione massima in vista del derbissimo di domenica prossima contro Cento. Estensi privi dell’influenzato dell’ultim’ora Campani, che fanno davvero fatica a trovare la via del canestro: dopo l’equilibrio iniziale, la RivieraBanca allunga fino al 25-14 del primo parziale (8 Ogbeide, 4 Smith e Cleaves), che diventa 54-32 al 20’, con Ogbeide e Scarponi su tutti, mentre Cleaves dall’altra parte è il migliore dei suoi, con 12 punti all’attivo.

Dopo essere andato sotto prima 60-32 al 23’, poi 69-38 al 27’, il Kleb ci prova con Jerkovic, ma non riesce a trovare le contromisure per riportarsi a debita distanza. In avvio degli ultimi 10’ ci provano prima Cleaves (70-51 al 32’), poi Bertetti, ma niente da fare. La Tassi Group incappa in una serata difficile al tiro e la RivieraBanca gioisce con merito. Ora bisogna recuperare Campani e concentrarsi al massimo sul derbissimo contro l’imbattuta Cento di domenica prossima.

 

RivieraBanca Rimini-Tassi Group Ferrara 80-65 (25-14, 54-32, 70-46)

RivieraBanca: Tassinari 12, Anumba 5, Meluzzi 6, Scarponi 12, Masciadri ne, Arrigoni 2, D’Almeida 3, Bedetti 9, Sirri ne, Johnson 15, Morandotti ne, Ogbeide 16. All.Ferrari.

Tassi Group: Bellan 5, Cleaves 22, Tassone, Smith 14, Bertetti 7, Valente 4, Jerkovic 11, Pianegonda, Cavicchi ne, Amici 2. All.Leka.

Arbitri: Wassermann, Nuara e Marzo.

Spettatori: 2000 circa.

A RIMINI PER IL PRIMO SUCCESSO ESTERNO

Espugnare il Pala Flaminio di Rimini, dove la Ferrara della palla a spicchi ritorna dopo diversi anni, per dare seguito al bel successo conquistato contro Chieti domenica scorsa. La Tassi Group durante la settimana ha lavorato bene e al completo ed è pronta a scendere in Romagna, dove domani sera, con palla a due alle ore 20.30, affronterà la RivieraBanca Rimini, compagine ancora a secco di successi, situazione da prendere con le molle.

I romagnoli sono una compagine tosta, composta da due stranieri, Johnson e Ogbeide, di primo livello, allo stesso tempo italiani che possono fare davvero male, come l’ex Chieti Meluzzi, l’esterno Tassinari e il giovane promettente Scarponi. Altro aspetto da non sottovalutare, il fattore Pala Flaminio. I biancorossi saranno caricati dalla propria gente, anch’essa desiderosa di centrare il primo successo in campionato.

I biancazzurri puntano al colpaccio che, inutile dirlo, varrebbe doppio, nella settimana che poi porterà al derbissimo interno contro la Tramec Cento. Attenzione alla fisicità dei romagnoli, che partiranno fortissimo, compito della Tassi Group, che a Rimini sarà seguita da un buon numero di tifosi, sarà quello di evitare gap importanti, provando a restare attaccata ai padroni di casa fino alla fine, giocandosela nei possessi decisivi.

Al Flaminio domani sera palla a due alle ore 20.30. Arbitreranno Wassermann, Nuara e Marzo.

 

Le parole della vigilia:

 

Spiro Leka – “Ci aspetta una gara difficilissima, Rimini è costruita per restare ai piani alti, Ci stiamo preparando bene, cercheremo di non fare correre Rimini, che fa della transizione offensiva il punto di forza, con Johnson soprattutto; dal canto nostro dobbiamo essere bravi a difendere bene i primi 10” dell’azione, controllando i rimbalzi. Dobbiamo essere disciplinati, non disunendoci se dovessimo iniziare con un break negativo, sappiamo che ci aspetta una gara difficilissima, però vogliamo non essere i sacrificati della causa, bisogna che consideriamo quella di Rimini la gara della vita, ogni gara in trasferta potrà cambiarci la stagione: dobbiamo essere bravi ad interpretarla bene, vincere in questo tipo di campo dà la consapevolezza che puoi bruciare i tempi della tua maturità. Bisogna che giochiamo con quel cinismo che ancora ci manca”.

Gianmarco Bertetti – “Il successo contro Chieti ci ha sbloccati un po’, a livello mentale soprattutto, iniezione di fiducia che ci fa bene. Andremo ad affrontare una squadra che, onestamente, non pensavamo d’incontrare con zero successi e tre sconfitte, compagine molto forte che partirà fortissimo, dal canto nostro dovremo essere pronti fisicamente e mentalmente a non prendere un gap troppo ampio, restando in gara. Poi, se ce la giocheremo punto a punto, per loro uscirà l’iniziale 0-3, così riusciremo a fare una buona gara. Rimini è una big, attenzione a Meluzzi, Tassinari, come del resto ai due stranieri: formazione davvero molto ostica”.

LA TASSI GROUP SI E’ SBLOCCATA, PRIMO SUCCESSO CONTRO CHIETI

FERRARA. La Tassi Group si è sbloccata, centrando contro Chieti il primo successo in campionato. Prestazione corale della squadra guidata da coach Spiro Leka, bravi gli americani, benissimo tutti gli altri a dare il proprio contributo. Per i biancazzurri successo che vale doppio: alla fine sarà 89-82.

Avvio col contagocce, dove si realizza poco da una parte e dall’altra. Amici c’è, idem Smith e Pianegonda, bravi a farsi trovare pronti nel momento del bisogno. Chiuso il primo parziale sul 22-19, la Tassi Group allunga anche con Campani in avvio del secondo parziale, toccando il massimo vantaggio, sul 34-23, al 13’. A questo punto della gara la luce offensiva dei biancazzurri si spegne per 3’, così Chieti ne approfitta e manda a referto il controbreak di 0-14 che significa 34-37 al 16’. La difesa a zona dei teatini impensierisce l’attacco della Tassi Group, Vrankic, Serpilli, Mastellari e Bartoli fanno male, ma il Kleb resiste, arrivano le triple di Bertetti e Tassone (che bravi!) che riportano avanti la Tassi Group sul 46-38. All’intervallo lungo i biancazzurri sono a quota 50 punti, come nei 40’ delle due gare precedenti.

Durante i secondi 20’ i biancazzurri allungano, con Cleaves e Amici, al 25’ è 64-46. Jerkovic è bravissimo, Chieti prova a rientrare con Serpilli (75-65 al 33’), ma quando il gioco si fa duro ancora Jerkovic trova punti davvero importanti, che valgono l’81-67 al 34’. Chieti tenta di nuovo il recupero e arriva ad un possesso dalla Tassi Group (85-82), che ne ha di più e merita ampiamente il successo.

Adesso, sotto con il derby a Rimini: si giocherà sabato sera, con palla a due alle ore 20.30.

 

Tassi Group Ferrara-Caffè Mokambo Chieti 89-82 (22-19, 50-40, 72-54)

Tassi Group: Bellan, Buriani ne, Cleaves 23, Tassone 4, Smith 13, Campani 7, Bertetti 6, Valente ne, Jerkovic 13, Pianegonda 4, Cazzanti ne, Amici 19. All.Leka.

Caffè Mokambo: Vrankic 12, Alibegovic 7, Mastellari 10, Reale 5, Gjorgjevikj ne, Bartoli 15, Jackson 19, Serpilli 9, Boev 1, Ancellotti 4. All.Rajola.

Arbitri: Moretti, Longobucco e Attard.

CONTRO CHIETI A CACCIA DEL PRIMO SUCCESSO IN CAMPIONATO

Dopo il ko di domenica scorsa sul campo di Pistoia, la Tassi Group del coach Spiro Leka domani pomeriggio (ore 18) ritorna sul parquet della Giuseppe Bondi Arena per ospitare il Caffè Mokambo Chieti. Appuntamento importante, quello che aspetta i biancazzurri, che contro i teatini vogliono centrare il primo successo in campionato. Kleb al completo, negli ultimi giorni Andrew Smith si è allenato regolarmente dopo la scavigliata di domenica a Pistoia.

Chieti degli ex Rajola e Mastellari arriva a Ferrara dopo la vittoria casalinga contro Ravenna, ha stranieri pericolosi come Jackson e Vrankic e giocatori di categoria come Mastellari, Ancellotti e Bartoli. I teatini tirano benissimo da fuori e la Tassi Group dovrà evitare di subire troppi contropiede, giocando di squadra, ritrovando quella pericolosità offensiva mancata nelle due gare precedenti.

Il fattore Giuseppe Bondi Arena conterà molto: il popolo biancazzurro dovrà spingere per 40’ i propri beniamini, incitandoli negli eventuali momenti difficili, spingendoli al successo.

Prima della palla a due, la Vis 2008 del patron Filippo Bertelli, invitata alla gara, sfilerà sul parquet.

 

Le parole della vigilia:

 

Nando Maione – “Affronteremo una compagine che arriva da un importante successo contro Ravenna, ed ha perso all’ultimo tiro, senza uno straniero, a Cividale. Chieti fa del proprio tiro da fuori l’arma pericolosa, tirando con quasi il 50% da tre punti. Ha giocatori di esperienza e navigati per la categoria, come Ancellotti, Jackson e Mastellari, il tutto non dimenticando Bartoli, giovane davvero molto interessante. Dal canto nostro, dovremo essere bravi a mettere sin da subito l’aggressività in difesa, così da togliere il timing ai loro tiratori, andrà limitato al massimo il loro contropiede. Noi veniamo da una settimana di lavoro intenso con tutti i giocatori che, come sempre, hanno dato il massimo. Consapevoli di quello che dobbiamo fare”.

Maurizio Tassone – “Domenica ci aspetta una gara non facile, affronteremo una squadra, Chieti, che nelle ultime uscite si è dimostrata tutto sommato quadrata, con due stranieri, Jackson e Vrankic, che stanno giocando un buon campionato, Vrankic è rientrato contro Ravenna, disputando un’ottima gara. Non è facile, anche perché arriviamo da due sconfitte, è inutile che lo neghiamo, aspetto che mette un po’ di pressione, situazione che forse ci fa anche bene. Dobbiamo trovare quel collettivo che, in realtà, mai è scomparso, dobbiamo rafforzarlo un po’ di più, soprattutto nelle gare interne, trovando autostima e fiducia nei nostri mezzi”.

FIOCCO ROSA IN CASA KLEB: E’ NATA AURORA SCHINCAGLIA

Fiocco rosa in casa Kleb Basket. Ieri, alle ore 19.35, è nata Aurora Schincaglia, primogenita del nostro preparatore atletico Andrea. La piccola, 3,860 chilogrammi per 50 centimetri, e mamma Alice stanno benissimo. Il Kleb desidera esprimere le proprie felicitazioni ai genitori ed alla neonata Aurora.

LA TASSI GROUP LITIGA CON IL CANESTRO E PISTOIA VINCE

PISTOIA. Avanti dopo 10’, con Smith in panca per tutto il secondo tempo, la Tassi Group non riesce nell’impresa di espugnare il Pala Carrara. I toscani allungano durante il secondo parziale, mantenendo il vantaggio per il resto della gara, vinta dai padroni di casa 73-51.

La Tassi Group inizia con il giusto piglio, anche e soprattutto grazie a Smith (nel secondo quarto uscirà malconcio per un guaio alla caviglia sinistra e non rientrerà più), mentre dall’altra parte sarà soprattutto Wheatle a tenere i toscani attaccati ai biancazzurri: al 5’ è 6-8, che diventa 10-15 all’8’ con Campani davvero mattatore. Al 10’ è 12-16.

Nella seconda frazione il Kleb fatica tremendamente a trovare la via del canestro, realizzerà solamente 6 punti, con il primo canestro dal campo, segnato da Campani, targato 17’. La Giorgio Tesi Group prende fiducia, sotto i colpi di un Varnado in serata di grazia, trovando anche il +14, al 19’, sul 34-20.

Buona terza frazione di Tassone, bravo a crederci sempre (40-30 al 25’), ma Varnado e Del Chiaro non ci stanno: dal 44-33 del 26’ in 2’ si arriva sul 50-33. Ora si fa davvero dura. Allinei mantiene costante il vantaggio dei toscani (57-39 al 34’), i biancazzurri trovano buone cose da Tassone (57-45 al 35’), ma la rimonta non si concretizza. Pistoia allunga di nuovo e vince.

La Tassi Group domenica ritornerà alla Giuseppe Bondi Arena per ospitare Chieti: appuntamento da non perdere.

 

Giorgio Tesi Group Pistoia-Tassi Group Ferrara 73-51 (12-16, 34-22, 52-39)

Giorgio Tesi Group: Metsla ne, Della Rosa 2, Cemmi ne, Saccaggi 7, Del Chiaro 16, Magro 6, Allinei 7, Pollone 7, Varnado 17, Wheatle 11. All.Brienza.

Tassi Group: Bellan, Cleaves 7, Tassone 12, Smith 6, Campani 16, Bertetti 1, Valente, Jerkovic 6, Pianegonda 1, Amici 2. All.Leka.

Arbitri: Dionisi, Bonotto e Maschietto.

Note: fallo tecnico comminato alla panca della Tassi Group al 14’ ed a Bertetti al 37’. Antisportivo ad Amici al 17’ ed a Saccaggi al 29’. Uscito per 5 falli: Amici al 36’.