Ad un passo dal colpaccio

Sarebbe bastato poco, forse quella palla persa in meno nel finale e qualche scelta azzeccata di più nel momento bollente del match. Al Pala De Andrè la Bondi è andata ad un passo dal colpaccio, dopo essere stata a lungo avanti nel punteggio, anche di 13 lunghezze a metà della seconda frazione, sul 19-32 targato De Zardo. Il Kleb ha pagato lo scarso numero di canestri a cavallo fra il 26’ (37-45) e il 35’ (58-50). Davvero troppo pochi 5 punti in 9’, ma nonostante questo l’OraSì non ha mai chiusa la gara, neanche quando era avanti 64-58 al 38’, anche perché prima Molinaro e poi Swann hanno riportato a -2 i biancazzurri (64-62), arrivati anche a -1 a -9” dalla sirena dopo i liberi di Panni (68-67). A questo punto un paio di palle perse hanno fatto la differenza e Ferrara ha dovuto ammainare bandiera bianca fra mille rimpianti. Peccato davvero.

Adesso coach Bonacina aspetta Folarin Campbell, aggiunta basilare in vista della gara interna contro Treviso di domenica prossima.

 

ORASI’ RAVENNA – BONDI FERRARA 71-67 (15-18, 29-34, 47-47)

ORASI’ RAVENNA: Tartamella ne, Hairston 8, Smith 23, Montano 8, Jurkatamm 12, Cardillo 7, Masciadri 6, Rubbini ne, Seck ne, Gandini 2, Baldassi ne, Laganà 5. All.Mazzon.

BONDI FERRARA: De Zardo 6, Conti ne, Swann 15, Fantoni 15, Molinaro 10, Mazzoleni 4, Mazzotti ne, Panni 8, Calò, Liberati 6. All.Bonacina.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *